<ruby id="7isui"><table id="7isui"><ol id="7isui"></ol></table></ruby>
<acronym id="7isui"><address id="7isui"></address></acronym><th id="7isui"><sub id="7isui"></sub></th>

      <em id="7isui"></em>
      <dd id="7isui"></dd>
    1. The Handmaid's Tale

      Film 2017 | Drammatico, Fantascienza 60 min.

      Regia di Reed Morano, Mike Barker, Daina Reid, Kari Skogland, Kate Dennis, Floria Sigismondi, Jeremy Podeswa, Dearbhla Walsh, Colin Watkinson. Una serie con Elisabeth Moss, Joseph Fiennes, Yvonne Strahovski, Alexis Bledel, Max Minghella. Cast completo Titolo originale: The Handmaid's Tale. Genere Drammatico, Fantascienza - USA, 2017, STAGIONI: 3 - EPISODI: 36

      Condividi

      Aggiungi The Handmaid's Tale tra i tuoi film preferiti
      Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



      Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


      oppure

      Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

      Un gruppo di donne è costretto a vivere come concubine senza potersi mai ribellare. La serie ha ottenuto 3 candidature e vinto 2 Golden Globes, 5 candidature e vinto 2 Emmy Awards, 5 candidature e vinto 3 Critics Choice Award, 7 candidature a SAG Awards, 5 candidature e vinto 2 Writers Guild Awards, 1 candidatura a Directors Guild, 3 candidature e vinto un premio ai CDG Awards, 2 candidature e vinto un premio ai Producers Guild, 1 candidatura a Bafta TV Award, La serie è stato premiato a AFI Awards, 1 candidatura a ADG Awards,

      Consigliato assolutamente no!
      n.d.
      MYMOVIES N.D.
      CRITICA N.D.
      PUBBLICO N.D.
      CONSIGLIATO N.D.
      Il mondo va all'indietro: dal Racconto dell'ancella a The Handmaid's Tale.
      Lorenza Negri
      Lorenza Negri

      Non è fantascienza. E non lo era neanche tre decenni fa, quando il romanzo "Il racconto dell'ancella" di Margaret Atwood debuttò con la sua parabola raggelante della più ripugnante e plausibile delle distopie del XX secolo. "Handmaid's Tale" (titolo originale del libro) è la serie ispirata alla storia di Difred (e supervisionata dalla Atwood, consulente della produzione), giovane donna usata come fattrice in una realtà fittizia dove gli Stati Uniti hanno lasciato il posto a Gilead, un governo totalitario puritano e bigotto che si fa scudo della religione per giustificare lo stupro sistematico e innumerevoli, indicibili altri abusi.

      The Handsmaid's Tale (la quale ha già fatto man bassa di candidature agli Emmy nelle categorie principali) descrive come la minaccia dell'estinzione e la perversione della religione abbiano fornito gli strumenti a un pugno di avidi di erigere un governo che, spazzando via ogni briciola di democrazia, ha fatto ripiombare l'umanità nel Medioevo. L'oscurantismo e l'omofobia si affiancano a una sprezzante misoginia mascherata da celebrazione della maternità: il genere umano, avvelenato dalle radiazioni, ha smesso - infatti - di procreare, e i pochi nati sono raramente sani.

      Sistematicamente, le donne - tutte le donne - sono state private del diritto di essere intestatarie di un conto in banca, di manifestare la propria opinione e di viaggiare liberamente, ufficialmente per far fronte al rischio dell'estinzione. The Handsmaid's Tale è la storia di June, madre emancipata e intelligente che viene braccata, isolata e rieducata alla sottomissione a suon di torture e rieducazione pavloviana per divenire una fattrice sanzionata dalla sacralità della Bibbia. Di facciata, una devota santa e mite che si immola volentieri offrendo la propria fertilità alle coppie sterili; nella realtà è una schiava costretta allo stupro reiterato e voyeuristico della classe dominante che ha bisogno del frutto di un utero in affitto per consolidare il proprio potere e posizione in società.

      June è la voce della miriade di donne "chippate" come capi di bestiame prima di venire consegnate alla famiglia prescelta, la prima di - si auspica - una serie di nuclei destinati a ottenere da loro un pargolo senza deformità. Il destino di June - ribattezzata "Difred" ovvero di proprietà del patriarca a cui viene assegnata - è quello di essere un utero con un essere umano intorno, remissiva, devota e mansueta creatura che viene sottoposta durante i giorni dell'ovulazione a una grottesca cerimonia nella quale lo stupro scimmiotta un capitolo biblico. L'alternativa è la punizione tramite mutilazione, la rieducazione o la condanna a morte.

      A Elizabeth Moss - già interprete di serie come Mad Men e Top of the Lake - tocca la parte di June, una donna poco accattivante: non bella, non buona, non eroica. Ha scelto la strada che percorrerebbe chiunque al suo posto, quella che le offre la sopravvivenza. Ingoia a sopporta, mascherando il disprezzo con il servilismo, la ribellione interiore con la compiacenza, il desiderio ardente di vendetta con la mestizia. Difred ha imparato come sopravvivere, abbassando lo sguardo, usando l'astuzia e sfruttando le debolezze dei meschini potenti quando può, concedendosi la spontaneità in un clima di paranoia e diffidenza solo dopo estenuanti disamine. Prudente e doppiogiochista, dotata di un sarcasmo tagliente e ilare, nonostante il clima di terrore nell'intimo cova ancora la scintilla della speranza e della ribellione.

      Difred e le donne che la circondano - e si trovano nella sua stessa situazione, come l'instabile Diwarren e la più resiliente Diglen - sono solo una faccia della medaglia; dall'altra parte sono schierate le aguzzine, come l'algida e ariana Serena Joy - moglie trofeo crudele e frustrata dall'incapacità di procreare -, e Zia Lydia - una delle figure femminili che hanno abbracciato la causa, carceriera ed educatrice zelante e spietata delle ancelle. La prima stagione, costellata di flashback, ricostruisce gli eventi che hanno portato alla presa di potere del regime indugiando sul lento, strisciante processo che ha spogliato le donne della propria identità fino a renderle incubatrici.

      Handmaid's Tale, si diceva, non è fantascienza. Non lo era quando il romanzo ha visto la luce nel 1985 e la Atwood dichiarò che ogni sopruso lì descritto si ispirava a quello che accadeva veramente da qualche parte del mondo. A ciascun abuso impensabile corrispondeva un ritaglio di giornale che ne descriveva la pratica in qualche luogo, e insieme a molti altri dava forma all'esito potenziale e ominoso di una società possibile, una distopia alla 1984 insospettabilmente vicina. Quando lo show è entrato in produzione, lo showrunner Bruce Miller e la produzione si sono ritrovati di fronte uno scenario sostanzialmente più allarmante*, realizzando con orrore che l'elezione di Trump e la sua politica avevano trasformato la serie da cautionary tale - da storia ammonitrice - a potenziale cronaca della realtà.

      La smaccata misoginia del presidente eletto, noto ancora prima della vittoria per le posizioni sessiste, si è concretizzata nelle decisioni politiche che ha sottoscritto (la revocazione della Fair Pay and Safe Workplaces Order di Obama, la reintroduzione della Global Gag Rule e i tagli alle Planned Parenthood, provvedimenti che privano le donne del diritto a una paga equa e di difendersi dalle molestie sul lavoro, che ostacolano l'aborto e inibiscono la prevenzione delle malattie femminili). La prospettiva che la fantasia collassasse sulla realtà si è fatta tanto evidente che gruppi di donne in Oklahoma e altri luoghi hanno reagito protestando vestite da ancelle, indossando la cuffia che nasconde il volto privando dell'identità e la mantella scarlatta delle protagoniste dello show. Lo stesso colore del sangue mestruale (e del parto) e della lettera nella parabola puritana del romanzo classico di Hawthorne, monito di un passato fallocrate e misoneista che può ritornare (e forse lo sta già facendo).

      Sei d'accordo con Lorenza Negri?
      Episodi: 13 (60 min.)
      Regia di Mike Barker, Dearbhla Walsh, Colin Watkinson.

      La serie esce dalle secche della stagione precedente. L'inteccio si fa più complesso e June deve mettere alla prova i propri limiti morali.

      Recensione di Andrea Fornasiero

      June ha messo al sicuro sua figlia Nichole in Canada insieme all'amica Emily, ma è rimasta a Gilead per cercare di salvare anche la sua prima figlia, Hannah. La situazione a casa Waterford prevedibilmente precipita e June viene affidata a un nuovo comandante, Joseph Lawrence, lo stesso che aveva avuto in affidamento Emily. Lawrence è stato un importante ideologo del regime e tutt'ora riveste una posizione di grande potere, anche se in realtà nutre grandi sensi di colpa. La sua prima preoccupazione però non è la propria coscienza, bensì la salute della moglie, sull'orlo della follia. Nel mentre Serena Waterford inizia a tessere il proprio piano per riavvicinarsi a Nichole...

      La terza stagione di The Handmaid's Tale ha il difficile compito di uscire dalle secche dell'annata precedente e dopo i primi episodi di assestamento ci riesce piuttosto bene, portando June a mettere alla prova i propri limiti morali.

      La protagonista infatti vede inizialmente frustrati i suoi propositi e si trova di fronte a un Lawrence più ostile e impenetrabile di quanto immaginasse, inoltre Serena la sfrutta per cercare di riavere Nichole e come se non bastasse anche la sua nuova compagna di cammino è dalla parte del regime. Tutto questo porta June verso decisioni via via più estreme, in qualche caso anche di immotivata crudeltà, con conseguenze che mettono a rischio la sua sanità mentale.

      Se la seconda stagione era una sequenza, anche stancante e discutibile, di torture e uccisioni, in questa nuova annata il tormento si fa più psicologico. Non che manchino passaggi di orrore tra impiccagioni e menomazioni - soprattutto nell'episodio a Washington dove si ricade nei peggiori eccessi - ma l'intreccio è più complesso, sottile e meno ripetitivo. Non ci sono più insomma tentativi di fuga e poi il ritorno a casa Waterford, bensì una progressiva conquista di alleanze e di comprensione dello scenario più ampio, internazionale addirittura, da cui June cercherà di trarre il miglior piano possibile.

      Finalmente il Canada perde un po' della facciata da Paese dei balocchi che aveva avuto nelle scorse stagioni (per inciso nella realtà non è un Paese particolarmente aperto ai migranti) e viene inserito in un più complesso scacchiere internazionale, con persino una commissione d'inchiesta dalla Svizzera. Del resto quest'anno Gilead è pressoché in guerra con quello che resta degli Stati Uniti e si parla parecchio di diplomazia, anche se June - e noi con lei - rimane all'oscuro di molte cose.

      Nonostante questo sviluppo del mondo del racconto, i tredici episodi sembrano comunque troppi e d'accordo che il ritmo di The Handmaid's Tale è sempre stato interiore e rarefatto, anche perché racconta in sostanza di una prigionia dove il tempo sembra non trascorrere mai, ma arrivati alla terza stagione il risultato è piuttosto risaputo. Si tenta come in passato di scuotere il racconto con l'inserimento di brani pop, a volte con esito felice e a volte molto meno. Per esempio "Sunday Bloody Sunday" degli U2 è presa alla lettera e buttata dove non c'entra nulla rispetto al suo senso più profondo, mentre funziona molto meglio "Heaven Is a Place on Earth" di Belinda Carlisle, qui trasformata in un mantra e contrappunto al momento forse più cupo dell'intera stagione.

      Straordinaria come sempre Elisabeth Moss ed efficace anche Bradley Whitford, ma la nuova stagione non offre grandi occasioni ad Ann Dowd. L'episodio dedicatole, con vari flashback sul passato di zia Lydia, svela la banalità del male ma per questa ragione è anche poco avvincente, nonostante l'ottima prova dell'attrice. Lo stesso si può dire della puntata dedicata alla ripresa dal trauma di Emily, che cerca di ristabilire un rapporto con la precedente compagna: un episodio teoricamente importante ma in pratica privo dell'urgenza necessaria a questo punto della serie, anche perché poi Emily non si vedrà quasi più.

      La messa in scena comunque mantiene una gran cura formale e sia Mike Barker (che dirige diversi episodi), sia le registe chiamate a portare uno sguardo più femminile, si avvalgono di inquadrature a piombo e di composizioni visive che valorizzano le peculiarità dei sinistri costumi delle ancelle. L'atmosfera a cui danno vita questi tableaux vivants è forse diventata famigliare, ma continua a essere quello che rende The Handmaid's Tale una serie unica.

      Episodi: 13
      Regia di Mike Barker, Kari Skogland, Reed Morano, Kate Dennis, Floria Sigismondi.

      La seconda stagione ha una veste più ambiziosa, con molti camei di prestigio e uno sguardo più ampio sul mondo che racconta

      Recensione di Andrea Fornasiero

      June ha ricevuto la promessa di una fuga da Nick ma in realtà il veicolo su cui è stata caricata sembra portarla verso la punizione per la propria ribellione al termine della stagione precedente. In un complesso gioco di cappa e spada avrà modo di cercare la libertà, ma la rete che l'aiuta è fragile e basta pochissimo per creare dei buchi nel suo supporto, tanto che June dovrà spesso cavarsela da sola. Nel mentre il padre di loro figlia vive in Canada con Moira, sfuggita al bordello Jezebel, ma entrambi non possono riprendere la loro vita, schiacciati dall'orrore della Repubblica di Gilead dove sanno che June è ancora prigioniera.

      Emily è stata deportata nelle terribili Colonie, un campo di lavoro in un luogo venefico e forse radioattivo, dove presto viene raggiunta da un'altra ancella ribelle, Janine.

      Dopo il tripudio di premi vinti per la prima stagione, The Handmaid's Tale torna in una veste più ambiziosa, con molti camei di prestigio e con uno sguardo più ampio sul mondo che racconta, ma la storia della sua protagonista si scontra con la fissità del racconto distopico, che è per definizione senza speranza e quindi schiacciato in uno stallo.

      "Il mondo nuovo", "1984" e in una certa misura anche "Fahrenheit 451", sono tutte storie interessate più alla descrizione di un sistema totalitario perfetto e asfissiante che non ai loro eroi, vittime predestinate a finire sotto "Il tallone di ferro" (che è il titolo di un meno famoso ma precedente romanzo distopico di Jack London). Sono racconti dell'orrore, moniti a sorvegliare e a difendere la democrazia dalle sue più sinistre derive, mentre il romanzo di Margaret Atwood ha volutamente un taglio più intimistico e, concentrandosi sulla prospettiva di June/Offred, non tenta di descrivere i meccanismi più ampi del sistema, ma solo quelli che governano la vita delle ancelle. Come ne "Il tallone di ferro" il romanzo ha una fine brusca e un epilogo ambientato in un futuro più remoto in cui la dittatura è crollata, una soluzione efficace che però non poteva essere ripetuta da una serie Tv di tale successo.

      La seconda stagione di The Handmaid's Tale racconta infatti i tentativi di fuga di Offred, ma non può portarli a buon fine perché tradirebbe il proprio spirito distopico, così la protagonista torna a ritrovarsi incastrata nella casa dei Waterford, dove aveva già trascorso la prima stagione. Qui riprendere il tran tran di abusi e crudeltà (ormai così numerose da essere a rischio di desensibilizzare lo spettatore), mentre lavora sottilmente ad aprire gli occhi alla signora Waterford. Se questi episodi risultano da una parte statici e ripetitivi rispetto a quanto già visto, dall'altra svelano la principale falla del sistema di Gilead. In un sistema totalitario ci deve essere per lo meno una classe di persone che gode del potere e dei suoi benefici, mentre qui anche le sterili mogli di uomini potenti, che ricevono un figlio dalle ancelle, vivono nel terrore di quello che succederà al loro pargolo nel caso sia di sesso femminile una volta cresciuta. Dunque anche lo strato dominante della società cova in seno il proprio malcontento, inoltre si svela come l'integralismo religioso basato sull'interpretazione delle sacre scritture, di cui però è proibita la lettura diretta, sia a sua volta fallace: chiunque abbia dubbi sulla propria fede (e le ragioni certo non mancano a Gilead) è portato a cercare risposte in un libro proibito.

      Nonostante questi piccoli ma importanti disvelamenti, le puntate più memorabili della stagione sono sicuramente quelle fuori dalla casa dei Waterford, in particolare l'undicesima in cui June si trova in una casa vuota ad affrontare il parto, un episodio davvero ferale, con tanto di lupo e scenario innevato, che ha un tono compatto e molto diverso dal resto della stagione. Così come la puntata ambientata nelle Colonie o quella in Canada con il viaggio all'estero di Waterford, episodi offrono ulteriori dettagli sul mondo di Gilead e su quello che lo circonda, una strada necessaria per continuare la serie ora che il materiale del romanzo di Atwood è stato superato. Molto probabilmente si muoverà in questa direzione con ancora maggior fermezza la prossima stagione, continuando l'evoluzione da racconto intimistico a storia corale e a suo modo epica di resistenza.

      Possiamo del resto capire gli autori non abbiano voluto stravolgere la gallina delle uova d'oro rendendo la seconda annata troppo diversa dalla prima e preferendo un allontanamento più graduale. Il successo ottenuto è stato utile comunque ad arricchire il già ottimo cast con ruoli per Marisa Tomei, Bradley Whitford e volti meno famosi ma dalla solidissima carriera come Cherry Jones (Transparent), John Carrol Lynch (Carnivàle), Clea DuVall (Veep) e persino Oprah Winfrey, in una partecipazione solo vocale come speaker radiofonica e DJ della resistenza.

      Se il finale di stagione ha fatto molto discutere in America già la notte della diffusione dell'ultima puntata, c'è di buono che la serie sembra superare definitivamente la fedeltà al romanzo per un'autonomia narrativa. Da qui in avanti dovrà giocarsi, nel bene o nel male, la propria partita.

      Episodi: 10
      Ispirata al romanzo distopico del 1985 "Il racconto dell'ancella" di Margaret Atwood, The Handmaid's Tale descrive il regime totalitario che si instaura negli Stati Uniti in un futuro molto prossimo. Maschilista, omofobo e puritano, legittima le prevaricazioni attingendo perversamente ai versi della Bibbia. A un passo dall'estinzione - i figli degli uomini sono rari e spesso malformati -, la società di Gilead ha trasformato le poche donne fertili in fattrici schiave dei potenti. La prima stagione della serie che ha esordito sulla piattaforma digitale Hulu narra la storia di June, una di queste ancelle, e della sua famiglia - quel marito e quella figlia a cui è stata strappata pochi anni prima - attraverso incursioni nel passato che ricostruiscono la progressiva obliterazione dei diritti delle donne.
      Attraverso lo sguardo attento e sarcastico di June, ancella di un uomo potente quanto debole e della sua impettita e frustrata moglie, The Handmaid's Tale immortala le conseguenze del totalitarismo che lenisce il popolo represso blandendolo con pratiche barbariche - le ancelle incitate al linciaggio dei peccatori, le masse ammonite e contemporaneamente eccitate tramite le esecuzioni pubbliche -, ma senza riuscire a sopprimere i moti di ribellione.
      Raggelante, vivida e sarcastica, la serie si avvale di un cast femminile di rilievo su cui spiccano Elisabeth Moss (Mad Men), Ann Dowd (The Leftovers) e Alexis Bledel (Gilmore Girls).
      FOCUS
      INCONTRI
      martedì 17 luglio 2018
      Lorenza Negri

      Samira Wiley è fresca di candidatura agli Emmy Awards - i premi della televisione americani - per il ruolo della coraggiosa Moira di The Handmaid's Tale (guarda la video recensione). La serie pluripremiata di TIMVISION ambientata nella tirannica società di Gilead ha servito allo spettatore una seconda stagione ancora più brutale della prima, incentrata su una manciata di donne diverse per ruolo, temperamento e inclinazioni ma accomunate dallo stato di inferiorità a cui il regime le ha relegate. Il personaggio della Wiley - Moira - è ribelle, fiera, gay, una figura complessa che l'attrice ha preso molto a cuore, come ci ha spiegato al Festival della Tv di Monte-carlo.

      Prima di interpretare Moira avevi già vestito i panni di un altro personaggio gay, Poussey in Orange is the New Black.
      è il motivo per cui all'inizio ero restia ad accettare la parte in The Handmaid's Tale. Avevo già debuttato nel mondo della serialità con la parte di una donna gay, pensavo che scegliendone un'altra sarei finita per sempre categorizzata in quel tipo di ruoli. Oggi sono felice della mia scelta, addirittura sento una certa responsabilità nei confronti della comunità LGBT perché so che per molte persone posso essere un punto di riferimento. Molti hanno avuto una vita difficile dopo aver fatto coming out, io ho avuto la fortuna di avere due genitori che, dopo essermi dichiarata, mi hanno sostenuta e hanno aperto la propria chiesa (sono entrambe pastori) alle persone di ogni orientamento sessuale. Ovviamente hanno perso un sacco di fedeli!

      INCONTRI
      venerdì 29 settembre 2017
      Lorenza Negri

      Serena Joy, l'aguzzina di Difred in The Handmaid's Tale, è un personaggio tutt'altro che amabile. La serie di fantascienza distopica, disponibile su TIMVISION dal 26 settembre, ha conquistato i premi più importanti agli Emmy Award (tra cui Miglior Serie Drammatica) grazie alla vividezza con cui ha dipinto la società antifemminista di Gilead. Qui, le figure come Serena Joy fanno parte dell'alta società ma sono incapaci di generare, per questo autorizzate a devolvere le incombenze della procreazione a giovani feconde trattate come capi da riproduzione.

      Quella di Gilead è una società terrificante, dove le donne sono le peggiori nemiche delle donne, e dove la frustrazione di non poter partorire trasforma creature come Serena Joy in tiranne senza pietà. Questo ostico ruolo è stato affidato a Yvonne Strahovski, attrice australiana vista nelle serie Dexter e Chuck, che con la sua bellezza algida incarna con bravura Serena Joy, donna all'apparenza dura e razionale ma profondamente instabile.

      Abbiamo parlato a quattrocchi del suo personaggio e di questa serie tratta da Il racconto dell'ancella di Margaret Atwood che punta il dito contro la discriminazione femminile.

      INCONTRI
      martedì 19 settembre 2017
      Lorenza Negri

      In The Handmaid's Tale, Joseph Fiennes ha nascosto il suo impeccabile accento da "inglese della regina" per interpretare il Comandante Waterford, eminenza politica di una società - Gilead - che ha sostituto il governo statunitense con una teocrazia. La serie disponibile dal 26 settembre su TIMVISION, fresca vincitrice di otto Emmy Awards (i premi della televisione americani) tra cui Miglior Serie Drammatica, Sceneggiatura, Regia e Attrici Protagoniste e non, lo annovera nel cast con la scomoda parte di un uomo debole, ipocrita e mellifluo, imbarazzato e schiacciato dalle stesse leggi che ha imposto per salvaguardare il presunto benessere del proprio Paese.

      Fiennes, il cui nome completo è un suggestivo Joseph Alberic Twisleton-Wykeham-Fiennes, è imparentato con l'esploratore Ranulph Fiennes e con la famiglia reale britannica, suo fratello è l'attore Ralph e i suoi parenti tutti artisti, fotografi, pittori, scrittori, registi o attori come lui.

      La sua è una famiglia illuminata, e forse per questa distanza rassicurante con la parte involuta dell'umanità che ha amato interpretare un uomo come Fred Waterford.

      NEWS
      VIDEO RECENSIONE
      lunedì 10 giugno 2019
       

      Sarà un'annata decisiva per la nuova stagione di The Handmaid's Tale, la serie distopica tratta dall'omonimo romanzo di Margaret Atwood disponibile in esclusiva su TIMVISION. La terza stagione, presentata al Super Bowl con uno spot che invitava eloquentemente [...]

      TIMVISION
      giovedì 6 giugno 2019
      Alessandro Buttitta

      "Che sia benedetto lo scontro". è quanto ci indica, senza troppi giri di parole, la terza stagione di The Handmaid's Tale, al via oggi su TIMVISION con tre dei tredici episodi previsti. Sarà un'annata decisiva per la serie distopica tratta dall'omonimo [...]

      SERIE TV
      giovedì 26 aprile 2018
      Ilaria Ravarino

      In un futuro neanche troppo lontano, in un mondo in cui le donne sono state private di ogni diritto e trasformate in schiave addette (principalmente) alla riproduzione, ribellarsi al sistema è un atto eroico, indispensabile.

      TOP TRAILER
      lunedì 22 gennaio 2018
      Andrea Fornasiero

      Dalla commedia Puoi baciare lo sposo con Diego Abatantuono al western presentato alla Mostra del Cinema di Venezia Sweet Country: la settimana ha visto uscire trailer di tutti i generi. Fino all'attesissima seconda stagione della pluripremiata serie Handmaid's [...]

      SERIE TV
      lunedì 15 gennaio 2018
       

      Dopo il clamoroso successo della prima stagione (vincitrice di 8 Emmy Awards e 2 Golden Globe), The Handmaid's Tale (guarda la video recensione) è pronta a tornare con i nuovi episodi. In attesa del lancio, in programma il 26 aprile (in Italia in esclusiva [...]

      VIDEO RECENSIONE
      giovedì 28 settembre 2017
       

      In un futuro non troppo lontano, gli Stati Uniti d'America sono caduti in favore della società di Gilead. Questo regime, in un mondo devastato da guerre, terrorismo e inquinamento, è guidato da estremisti religiosi che, dopo aver imposto la legge marziale [...]

      SERIE TV
      martedì 26 settembre 2017
      Andrea Fornasiero

      In un futuro prossimo la stato di Gilead, (cioè gli Stati Uniti, anche se non sono mai nominati) è precipitato in una dittatoriale teocrazia, dove le donne sono divise in caste, identificate dal colore degli abiti.

      NEWS
      lunedì 18 settembre 2017
       

      The Handmaid's Tale, la serie tv targata MGM Television e Hulu ispirata all'omonimo romanzo di Margaret Atwood (in italiano "Il racconto dell'ancella"), ha trionfato ai 69° Primetime Emmy Awards aggiudicandosi tra gli altri il titolo nelle categorie "Miglior [...]

      SERIE TV
      venerdì 14 luglio 2017
      Anna Lupini

      In un futuro distopico gli Stati Uniti D'America sono stati sostituiti dalla società di Gilead, un regime totalitario di fanatici cristiani che ha ridotto il genere femminile in schiavitù. Le donne sono suddivise in quattro categorie: le Mogli, le Figlie, [...]

      winner
      miglior serie televisiva drammatica
      Golden Globes
      2018
      winner
      miglior attrice in una serie televisiva drammatica
      Golden Globes
      2018
      winner
      miglior attore ospite in una serie tv drammatica
      Emmy Awards
      2019
      winner
      miglior attrice ospite in una serie tv drammatica
      Emmy Awards
      2019
      winner
      miglior attrice secondaria serie tv drammatica
      Critics Choice Award
      2018
      winner
      miglior serie televisiva drammatica
      Critics Choice Award
      2018
      winner
      miglior attrice in una serie televisiva drammatica
      Critics Choice Award
      2018
      winner
      miglior scenegg.ra di una nuova serie tv
      Writers Guild Awards
      2018
      winner
      miglior scenegg.ra serie televisiva drammatica
      Writers Guild Awards
      2018
      winner
      miglior serie tv ambientata nel presente
      CDG Awards
      2018
      winner
      miglior poduttore di una serie tv brillante
      Producers Guild
      2018
      winner
      programma televisivo dell'anno
      AFI Awards
      2018
      Vai alla home di MYmovies.it
      Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
      Copyright? 2000 - 2020 MYmovies.it? - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. è vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
      Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati
      经典诈金花下载官网